Bordignonxe

Utente
  • Content Count

    160
  • Joined

  • Days Won

    3

Bordignonxe last won the day on November 22

Bordignonxe had the most liked content!

Community Reputation

69 Good

About Bordignonxe

  • Rank
    Advanced Member

Personal Information

  • Birthday
    08/19/2000
  • Place
    Veneto

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. vi dico la verità, in questo momento sono un po' indeciso, fortunatamente tempo c'è n'è per pensare e quindi valuto bene pro e contro, e anzi spero che la valvola sia integra..... ho voglia di fare un bel lavoro, io studio informatica, ma ste cose mi fan partire la testa, e questo progetto mi piace, gli alberi di andrea sono belli pieni e hanno la valvola a coltello verso il centro biella, in riferimento a valvola originale è fasato 120/60
  2. Ciao ragazzi, stavo parlando un po' con il proprietario della vespa, e al fine di avere un bel motore da utilizzo stradale, opteremo per un pacco lamellare che a mio avviso sarà o vmc x girato o polini se gli ingombri permettono... Mi spiego meglio, non ne sono ancora convinto, dal canto mio sarebbe bello fare una valvolona, spendere meno e andare spediti ma ci sono diversi fattori da considerare in un utilizzo pratico... Un motore a valvola innanzitutto deve avere una buona fasatura, una buona valvola e perdere tempo per il collettore, tempo che non abbiamo e eliminare la valvola per il lamellare è più veloce, all'incirca, non va ad intaccare il bilanciamento dell'albero, e soprattutto in base alla richiesta del motore viene fatta la fase di aspirazione e addio problemi di questo tipo, questi erano i contrattempi meccanici Ambito stradale, la valvola ai bassi regimi imbratta, ebha molto rigurgito il che aumenta i consumi, perciò per un uso giornaliero del motore è positivo che con il pacco lamellare questi vadano a diminuire e perciò il motore diviene meno esigente anche di aggiustatine Ora chiedo, è così negativo l'utilizzo di un pacco lamellare su un girato? Zambe aveva fatto il suo polini von il collettore fabbri se non ricordo male Certo che, con la venuta del pacco lamellare allora si passa ad un stuccatura che permetta di aprire la valvola verso il centro e l'alto del Carter e che abbia un buon flusso, poi due tre accorgimenti li prendo per il pacco, che sono sicuro faranno la differenza Discorso frizione Dite che un semplice kit revisione polini con dischi sinterizzati, molla che scende tritata, basti per un motore del genere? Non ha coppia ai bassi come motore...magari riesco w trovare anche un semplice carter leva lunga a nottolino che costano poco, ma che mi ammorbidisce un po' la frizione Anche nel caso in cui montassi una frizione hp La pedalina si riesce a piegate scaldandola molto e con la dovuta delicatezza?
  3. La testa polini ha candela laterale che arriva in centro camera, perciò il discorso è complicato
  4. Mi hai letto nella mente, il collettore in foto, arriva molto curvo, quindi, fissandolo verso la frizione arriverebbe più dolce al carter e potrei mettere il condotto in linea il più possibile con il collettore, rimanendo sempre nei limiti della valvola, ovviamente... certo serve avere la marmitta e avere un idea dello spessoramento del cilindro poi ho pensato che adattare la testa polini non me fa impazzire, quindi penso che un sacrificio per la testa mrt o comunque qualcuno che faccia una testa a candela centrale che abbia una buona banda di squish...tuto da vedere signori, magari il buon andrea di vespa racing per gennaio ha un albero in c45 bello pronto e ci si fa un pensierino
  5. il punto è il passaggio da sezione tonda del condotto alla strettoia della valvola Queste sono delle foto pescate di un 28, avevo pensato di saldare la piastra al tubo, fare il foro del condotto e stuccare internamente in modo da creare un rampa per i gas, che altrimenti troverebbero una piastra saldata che fa da tappo
  6. e allora gambe in spalla la metto a 20 gradi, un attimo di carburata e vado ad affrontare la strada
  7. Ho riso 10 minuti Dai speriamo che la situazione si risolva che qua c'è bisogno di gas... No non ho la vespa a metano
  8. Ti lascio nelle mani del buon@rollarizla1987 lui saprà degustare la tua curiosità I 20 gradi nn me li sono inventati però ho visto motori nel forum, che von questa accensione la tengono a 20/21 gradi, io come setting iniziale mi basta non avere temperature troppo alte o fenomeni di auto accensione, poi il motore è ad uso stradale, non mi interessano carburazioni super pulite o anticipi al centesimo di grado, diciamo che deve essere tutto in regola per un ottimo funzionamento ecco, quindi inizialmente volevo partire da 20/21 gradi, poi la mia domanda è on base a cosa scelgo se scendere, salire o restare?
  9. SAAALVE A TUTTI, oggi sono particolarmente attivo, allora parliamo un po' delle mie prime impressioni di sta vespa sul cavalletto sicuramente da carburare, minimo grasso impestato, attualmente è così configurato min 60 emu B 40 max 150 spillo k36 seconda tacca dal basso, rondella sopra in posizione neutra ghigliottina 50 se non erro (originale) avv 60 ho in arrivo un min 50 e 55, e disponibile un emu 48, vediamo se gli do un aggiustatina al minimo, arrivo anche un k25 che non si sa mai.... prima della carurazione però ci vuole l'anticipo, è in arrivo la strobo e ho una sip fissa che vorrei impostare a 20°, qualcuno mi rinfresca le idee su cosa cambia fra troppi gradi e troppo pochi? la mistica basetta del rolla è una bomba, i carter sono tiepidi sul basamento ma non hanno temperature elevate, il chè diminuisce anche la differenza di dilatazione fra stucco e carter e questo dovrebbe donare più vita al motore, certo chè però bisogna curare x bene il raffreddamento, ho preso uno psessore per il copri volano in modo da non disperdere aria, e devo chiudere il più possibile la cuffia dietro, ma in c54 con 1cm di basetta non è esattamente immediato... qui il video della vespa, accesa senza ventola x i primi cicli termici e via dicendo, ora è montata e i giri salgono più linearmente domani la vespa mi ritorna dopo tre giorni di assenza x far rifare il parafango che andrà diretto dal carrozziere, io tiro giù nuovamente il motore per accorciare di un mezzo cm il collettore e fare due tre cosucce.
  10. Sono super d'accordo con te ho preso molto spunto dal blocchetto del buon Silvio, diciamo che vorrei farlo respirare appropriatamente, quindi sicuramente ci sarà da lavorare sul terzo travaso che ho intenzione di aprire sul carter, ricordo a tutti che è un girato, so che drt fa alberi che hanno maggiore superficie di tenuta sulla valvola quindi posso spingermi un po dippiù nella lavorazione... ho in mente di rivedere il cilindro, travasi alla base generosi, ben raccordati ai lanci... lifting generale delle luci e aggiusterò le fasi... per farlo partirò con uno spessore sotto visto il cambio corsa, poi aggiusto tutto con il fresino, chiaramente prima di parlare di fasi devo parlare con il produttore della marmitta che sicuramente saprà darmi una base di partenza... ora visto che vado a spessorare sotto dovrei spianare sopra, e io che sono biricchino adatto al girato una testa polini, prima verifico che sia fattibile dato che ne ho una mia e poi i lavori di adattamento li farò su una nuova che tanto con 35 euri l'abbiamo, fra le informazioni che ho assorbito su questo motore, ho capito che ha già di suo dei bei lanci, e una buona forma dello scarico, mi piacerebbe dargli, come mi disse il buon enrico, una forma dolce al punto da non stressare eccessivamente le fasce e dargli la giusta respirazione. passiamo ora al collettore, gioco di tubi, diametro interno 26 e lo saldo ad una piastra con l'inclinazione necessaria, poi faccio il foro di un 19, 2 piccoli fori laterali per far aggrappare lo stucco, e una volta asciutto il tutto do di fresino per avere uno scivolo bellissimo stupendo e un foro di uscita dalle generose dimensioni, premetto che non voglio compromettere l' affidabilità quindi la valvola non la farò al limite... poi lato carburatore al tornio si fanno due tre canali per far aderire al meglio il manicotto e una vernicia di trasparente per far passare la paura della ruggine, o addirittura potrei pensare di farlo direttamente in alluminio e chi si è visto, si è visto chi monta frizione hp su campane normali ha dovuto tornire il cestello? Altrimenti monto una mono molla con dischi sinterizzati, una pelatina tale che scenda dritta e via andare, anche perché ha un carter leva corta, poi una bilanciata alla campana che male non fa, aggiustatina al cambio e dovremmo essere operativi... cluster drt 18/21 vmc 18/20 dubbi esistenziali oggi.. l'accensione pinasco è montata sul motore attuale e problemi non sembra darne... comunque facciamo che prima finisco la mia e poi si passa a questa
  11. La pinasco è già in casa, anche se mi ha detto che bisogna dargli un occhio... Ve lo devo proprio chiedere, mi spiegate dettagliatamente su un motore così quali sono i vantaggi della valvola? Fasi pensavo a 135/130 & 60/65 Il carburatore sarà usato se troviamo un 24 è presto fatto, il collettore è già pronto, altrimenti se si trova un 26 mi modello io un tubo a misura, più corto possibile e meno sinuoso possibile, che mi porti per bene la sostanza al motore.
  12. Ragazzi allora ragionando sono arrivato a questa conclusione 102 pinasco opportunamente lavorato Accensione pinasco 26 phbl o vhst Collettore dritto artiggggianale Carter belli raccordati Espansione duccio x girato 24/72 parastrappi dxc 18/20 vmc? Crocera drt Albero drt c45 Forse forse testa polini Che ne dite?
  13. A giudicare dal nick di valvole ne hai fatte più di me quindi parlo con il proprietario e vedo che dice, so che il drt non ha molta fase di aspirazione poi fra carter e albero vedo di trovare una buona fase, voi che ne dite, il carb massimo che posso montare è il 25 sempre se riesce a vendere il 22 altrimenti quello c'è... Ammetto che io da parte di chi fa il lavoro, sono proprio voglioso di fare un bel valvola, ma purtroppo non sono esperto, quindi spero sinceramente che sia in buone condizioni la sua...