The Hand of The Monkey

Utente
  • Content Count

    414
  • Joined

  • Days Won

    4

The Hand of The Monkey last won the day on May 13

The Hand of The Monkey had the most liked content!

Community Reputation

118 Excellent

About The Hand of The Monkey

  • Rank
    Advanced Member

Personal Information

  • Birthday
    01/17/1978
  • Place
    Parma

Recent Profile Visitors

782 profile views
  1. LaVespadue (LVDUE) ma anche da Guidomoto l'ho vista..
  2. No, anzi, magari è pure più difficile da trovare come colore.. Vero, ma una volta che elimini l'airbox, ti si apre la possibilità di provare anche queste selle più basse.. Vediamo se sabato riesco a sedermi su una sella di quelle costose..
  3. Sono scettico. Mi piacerebbe davvero appoggiare il deretano su quella costosa e sentire la differenza, ma forse so come fare..
  4. Esteticamente ero abbastanza soddisfatto dalla precedente, però avendo rimosso l'airbox, ho voluto/potuto provare una sella diversa. Anch'io devo ancora farci l'occhio e non sono sicuro mi piaccia al 100%, però la prova "culo" avrà la parola finale 😅
  5. Da che uso la Lambretta, monto una sella TSR (The Scooter Republic) acquistata prima della Brexit per 110 sterline. La sella è di buona fattura, color nocciola, del tipo simile all'originale con spugna, gommapiuma e molle, alta abbastanza per mantenere la presa d'aria sottosella. Facendo molti km (intendo più di 200) finchè la uso da solo e posso spostarmi avanti o indietro, non è male, ma poi inevitabilmente un po' di indolenzimento lombare sopraggiunge. Viaggiando invece in due, senza possibilità di variare significativamente la posizione di seduto, sopraggiunge un indolenzimento alle chiappe presumibilmente per scarsa circolazione sanguinea. Volendo ovviare a questo problema, ho cercato qualche alternativa. L'estetica delle selle sportive sul mercato non mi soddisfa e d'altronde la scelta è davvero scarsa. Un tappezziere che ho preso in simpatia e che fa una sua versione della sella per LUI, dovrebbe investire di più nel customer care perchè dopo vari messaggi su messenger (tipo che ti scrivo lunedì, tu mi rispondi mercoledì e via così) non mi ha più risposto. Giocoforza si finisce quindi per considerare la sella tipo Pegasus, che però ha un costo da capogiro. La si trova su alcuni siti a 650 euro e su altri a 450, ma che differenza c'è? Sembrano invero uguali perchè... effettivamente le fa lo stesso tappezziere! Proseguendo la ricerca ne ho però trovata una economica che in media costa circa 130 euro ( io l'ho trovata a 120 spedita). Anche qui sorge spontanea la domanda: che differenza c'è tra quella da 650 euro e quella da 130 euro a parte la copertura traforata molto figa della prima? Forse che una è in pelle e l'altra in sky? Comunque sia, data la differenza di prezzo, uno come me può solo aver scelto quella da 120 euro! Ed eccola montata! L'impressione è che sia di buona fattura, non presenta difetti macroscopici tranne forse un buchino minuscolo sulla copertura. A giudicare dalle foto, la differenza con quella più costosa pare essere la copertura, perchè anche questa è del tipo senza molle ma con fondo rigido. La presa d'aria deve essere rimossa. Che dirvi? Premendo il pollice sulla superficie, sembra mordida all'affondo, ma sedendomici sopra risulta decisamente dura. Vi dirò le mie impressioni non appena ci farò qualche centinaio di km consecutivi. Intanto ditemi cosa ne pensate!
  6. In questo caso volevo sottolineare che si trattava di un carburatore Polini 24 molto piccolo, mai visto da parte mia, addirittura più piccolo di un polini cp21. Per quanto riguarda il filtro, io personalmente, togliendolo e sostituendolo con un Powerflow RLC, ho guadagnato 8km/h..
  7. E' quello che volevo presumere anch'io. Aggiungo che le istruzioni BGM indicano uno squish tra 1 e 1,4 ma raccomandano che sia quanto più vicino ad 1 possibile. Io col Casalambretta ho sempre viaggiato con uno squish circa 1,35 ovvero quello che mi usciva usando la guarnizione in carta da loro fornita.
  8. Col senno di poi probabilmente sì, ma il produttore dell'olio volle il mio pistone e mi sostituì tutto l'olio acquistato con quello top della loro gamma e ancora non sapevo che l'incrostazione della fascia poteva essere stata causata da olio trasmissione trafilato + semisintetico usato sulla Bradanica in emergenza. (devo smetterla di pensare che posso trovare olio buono ovunque) Detto questo, per la gioia di @FedeBO, sabato sono stato all'Officina della Solitudine, dove ho provato una lambretta in rodaggio, identica alla mia tranne che per un piccolo carburatore della Polini (ma sempre 24) agganciato all'airbox tradizionale, ma ribadisco, per il resto identica alla mia. Il gruppo termico è un BGM 195 in corsa 60. L'ho tirata fino agli 85 km/h e devo dire che aveva un tiro ai medi bello differente dal mio, molto più vigoroso, tanto che sentivo il tiro sulle braccia. Avete già capito cosa voglio dire immagino 😄 In casa aveva anche un kit Casa Lambretta 200 nuovo, così per curiosità e supponendo una similitudine col 185, ci ho infilato una fascia elastica nuova e misurato una tolleranza di 3 decimi.
  9. Breve recap: l'anno scorso ho fatto un giro di circa 3000 km (se ricordo bene) ma il motore non funzionava bene; al rientro, smontando il cilindro, abbiamo scoperto che la fascia inferiore del pistone era completamente bloccata e probabilmente la colpa era da imputare all'olio del cambio che trafilava dal paraolio lato volano, andando a creare depositi un po' ovunque nella camera di scoppio ma anche sotto il cielo del pistone. Preciso che da sempre faccio miscela al 3%. Tra le varie successive modifiche, misi un pistone nuovo. Ora sono rientrato da un giro Corsica/Sardegna di circa 2500 km. La lambretta è andata sempre come un treno, però il mio orecchio paranoico ormai è allenato e quindi ho deciso di dare un occhio al cilindro, scoprendo che ancora la fascia inferiore era bloccata (anche se meno) rispetto all'altra volta. In assenza di trafilaggi di olio (stavolta), cosa accomuna ancora le due vicende? Beh, direi la miscela al 3% (normalmente uso MOTUL 710) ed il fatto che come l'anno scorso mi sia trovato in emergenza senza olio e, ora come allora, ho dovuto usare un semisintetico, anche se stavolta solo per 100km, dopodichè ho letteralmete svuotato il serbatoio per eliminarlo. Evidentemente, il Motul 710 è talmente buono che se invece vado al 3% con un semisintetico mi si incrosta tutto? Dovrei andare al 2%?? Possibile che questo gruppo termico sia così sensibile agli oli di qualità inferiore?? Seconda questione, che mi sta un po' sulle balle, è che la tolleranza delle fasce elastiche dovrebbe essere tra 3 e 5 decimi (media opinioni). La vecchia fascia era già a 7 decimi, mentre la nuova fascia è 5,5 decimi. Questo significa che probabilmente tra altri 3-4000 km sarò fuori tolleranza senza poter contare su un pistone di misura B, non previsto da Casalambretta. Non vi nascondo che il mio pensierino per l'inverno sarà un nuovo gruppo termico.
  10. Grazie @muttley, ma ho già acquistato questo: https://www.ebay.it/itm/323782835420
  11. Buongiorno a tutti! Vorrei acquistare un nuovo serbatoio per ape-fl3-europa-50cc-1996-1999-tl5t-piaggio.. Mi hanno consigliato il serbatoio codice 568254, ma leggendo pare un serbatoio per Ape con miscelatore, mentre la mia non ha miscelatore. Siccome non so nulla di Ape, qualcuno mi può gentilmente consigliare? Grazie!
  12. Io ho in realtà ho molto orecchio, ma per la maggior parte dei rumori non ho una spiegazione dettata dall'esperienza purtroppo. Quindi semplicemente mi fermo o rallento 😅 E' una esperienza la cui condivisione reputo molto utile e ti ringrazio. Attendo di confermare o smentire. Se la mia sopravvive credo ti sia utile saperlo, se invece muore anche la mia, possiamo sentenziare che sia scarsa la sonda. Vediamo.
  13. Ovviamente un motore in ordine e ben carburato non avrebbe bisogno di nulla, forse giusto del tachimetro. E' tutto il processo per arrivare al motore ben carburato e in ordine che necessita di strumenti che, per il neofita come me che non ha orecchio (oppure, da un altro punto di vista: per il malato del metodo scientifico che c'è in me) sono manna dal cielo. E' la differenza tra dipendere da un bravo meccanico e capire le cose da sè. Saper con un colpo d'occhio che il mio motore sta funzionando bene e sapere che la carburazione che ho raggiunto è un buon compromesso, sapendo che c'è uno strumento che mi dà pure un conforto scientifico, è esperienza per me e opinione documentata per altri. Nel momento in cui farò un upgrade, cambiando marmitta, o carburatore o cilindro, avrò una PREZIOSISSIMA base di esperienza che un normale meccanico si è fatto con anni di duro lavoro e allenamento di orecchi. Una volta raggiunto il risultato serve ancora averlo? E perchè no, dico io. Informazione è potere. 😄 Montiamo tante cag*ate, dobbiamo lesinare proprio su questa che è utile? Se poi si rompe presto la sonda come dici, poco male, occasione per acquistarne una più duratura e affidabile (in effetti aspetto che succeda, se tu avessi ragione non sarei assolutamente dispiaciuto). Aggiungo qui che grazie alla mia esperienza ho potuto consigliare altri a dimezzare la spesa e acquistare solo il modulo di lettura... E' una bella cosa 🙂 Vedi sopra. Ma se Veronica non si fosse occupata della cosa, e avessi dovuto acqustare un display nuovo, certo mi sarebbero girate le pa*lle non poco 😅 Finora la lambretta funziona più che bene. Sapere che la carburazione è corretta non ha prezzo. Anzi ce l'ha: 450euro di Casatronic (il piattello che regge il pick-up può essere montato solo e unicamente in un modo e non si ruota) + 115euro di sonda EGT e interfaccia + 165euro di display SIP 2.0.... 730 euro di tranquillità. Sono tanti? Effettivamente sì, ma si potrebbe calcolare che ogni euro speso in prevenzione ne fa risparmiare tot in riparazioni/soccorso. E' ovvio che se con la vespa/lambretta ci vai solo al bar, si può fare a meno di tutto, pure del tachimetro 😁