P.Paolo

Utente
  • Content Count

    2,521
  • Joined

  • Days Won

    48

P.Paolo last won the day on December 2

P.Paolo had the most liked content!

Community Reputation

970 Excellent

About P.Paolo

  • Rank
    FORMALMENTE OFFESO
  • Birthday January 1

Personal Information

  • Birthday
    01/01/2020
  • Place
    Svalbard

Recent Profile Visitors

2,330 profile views
  1. ciao, cerco di spiegarti meglio cos'è la Vespa px per me. Sino a febbraio 2015 lavavo e lucidavo la macchina 2 volte al mese, sempre a puntino anche di manutenzione, ogni tot pensavo ad uno scarico completo e me lo facevo fare a bancate separate.x pipe,h pipe ecc ecc, poi a marzo del 2015 ho riacquistato la Vespa, la macchina l'avrò lavata un paio di volte all'anno ma senza lucidarla ed è li, la uso solo quando sono costretto, altrimenti sono sempre in giro in Vespa, infatti percorro almeno 20.000 km all'anno. Se capita di avere un problema al motore ad una dei miei px, mi viene un peso sullo stomaco che non va via fino a quando non ho sistemato il tutto. Pensa come posso stare ora che sono oltre 3 mesi che ho il 200 lamellare fermo ancora incidentato, sono qui che sto male, penso alla famiglia, al lavoro, ma la Vespa è sempre li che gira intorno ai miei pensieri, quindi mi ha preso la scimmia e non ne esco più. Non so quanti anni hai, io al 24 di questo mese compio 54 anni e come puoi immaginare, nei primissimi anni la Vespa px ha fatto parte di me nella mia adolescenza, poi per vari motivi dopo il servizio militare (Sequals PN) congedato nel luglio 1986 dopo 9 mesi la mia vespa la davo come anticipo per una Yamaha 600 e poi ho avuto una xr600r, parecchi anni di gare sempre con TM racing e poi per motivi di saluti ho chiuso, vicino ai 40 anni (2005) la Vespa ogni tanto mi tarlava nella testa ma non gli davo peso più di tanto, fino ad arrivare nel 2014,la cosa si faceva sempre più intensa e frequente. Poi non ce l'ho più fatta e dopo quasi 100.000 km percorsi con il 200 e il 125 sono qui, sai il motivo per cui non riesco più a farne a meno?Perché ogni volta che metto il culo sulla sella del mio px, mi prende un non so che facendomi assaporare un flashback agli 80s. E qui concludo, estate, inverno acqua o neve, anche se la uso sempre anche di giorno per andare al lavoro e fare delle commissioni,alla sera dopo il lavoro intorno alle 19,00,prima di andare a casa faccio il mio giretto di 20-25 km per rilassarmi, questa sera c'era -1°,ma io imperterrito ero in strada. Paolo
  2. ciao, guarda dal km 407 https://flow.polar.com/training/analysis/3886108376
  3. ciao, guarda che sia con il 228 mhr a valvola e con il 221 lamellare ci arrivavo. +Tuttavia anche se fatto meglio e con la base del carter malossi ,il lamellare mi sembra meno portato a fare tratte sempre allegro
  4. Ragazzi stiamo parlando da una base di partenza di prim'ordine carter malossi sia per il valvola e sia per il lamellare E' chiaro che vuoi tanto,devi mettere altrettanto sul piatto(sia economico sia meccanico) ,se il presupposto era partire con dei carter tenuti insieme con lo stucco,non lo prendevo neanche in considerazione
  5. la mia era una domanda in generale,dalla mia esperienza ho l'impressione che il motore a valvola sia più adatto a tratte con medie allegre,tutto qui. Non posso pretendere che con una vespa tenere per 200 km i 130 in scioltezza,(anche se ho letto non ricordo dove 500 km a manetta (140)su in due con i bagagli)
  6. ciao, eccomi qui con un'altra panzana delle mie. Domanda tecnica a todos,vespa px 200 per un turismo molto veloce volevo intendere che vai a fare un viaggetto e ti piazzi a 110 fissi ogni tanto dove il traffico lo consente 120 e 130 tenuti per un po senza avere problemi,e poi ogni tanto una scrollatina a manetta toccata e fuga,cioè arrivi a manetta stai li 10 secondi e molli a 110. Spero di essermi spiegato,detto questo per tenere queste medie, devi montare primarie extralong,le quali non vanno d'accordo con cilindri con fasature un po più spinte,altrimenti rischi che la 4à non la tira. Il motore lamellare è molto più reattivo,rapido e con una erogazione più pulita di un motore a valvola (stiamo parlando di px over 200)secondo me è più un motore da godimento puro,elevate va bene a può fare tratte da 100-200 km,ma non a viaggiando a 120-130 fissi,queste cose secondo me non fanno per lui Correggetemi se ho scritto cose invere,arriviamo al dunque. Un motore sviluppato per questo scopo,secondo Voi è meglio a valvola o lamellare e perché
  7. ciao, covid permettendo dovrò incontrarmi con chi di dovere. Dopodiché in base alle mie aspettative deciderò quale dei due
  8. delfini curiosi,il Pinasco su questi carter no,ma sul motore del 200 che andrà sul 125 bianco durante le feste di Natale c'è il 225 pinasco classico
  9. ciao, dal giorno dell'incidente ho smontato il motore e il manubrio e stop Comunque un vhsc 39 o giù di li per un cilindro di scatola anche se è mhr è troppo. il motore che rifarò non sarà più malossi e sarà oltre 240 di cilindrata
  10. e comunque visto che si gira intorno alla ghigliottina che balla, se Voi siete contenti dei cloni ben per Voi. Ognuno fa quel che vuole e chi si accontenta gode. A me non tira più quindi non mi accontento
  11. ciao, io non ho mai bancato personalmente un mio motore, ma se un motore è fatto con un minimo di decenza, se hai un rubinetto con una buona portata, se hai il Si26 con i passaggi fatti bene, riesci a pettinare chi ha un phbh30 o un pwk
  12. ciao,con questo dite che i cloni del pwk sono meglio dei Dell'Orto??
  13. ciao, se su un 200 in corsa 60 malossi o polini a valvola di scatola metti un pwk 30 clone,molto probabilmente andrà meglio che con un si 26,ma quando inizi ad alzare l'asticella e ti aspetti determinati risultati è fondamentale che il motore abbia dei fornitori di alimentazione,energia elettrica e meccanica di prim'ordine e costante nel tempo. Sul mio 221 mhr di scatola lamellare,il pwk clone faceva il suo dovere,ma se la temperatura varia con 10° in più, devi metterci mano perché perdi 500'di allungo Poi per carità ognuno fa quel che vuole, magari spende 2000 euro tra cilindro,pacco lamellare, albero accensione e frizione,per poi lesinare sul carburatore. Sottolineo,tutto ciò che ho detto è la conseguenza di quello che ho rilevato materialmente,non ho mai confrontato sul banco la differenza che potrebbe esserci sul mio motore tra un clone e un doc,ma ho la certezza che la differenza c'è sopratutto per quanto riguarda la stabilità della carburazione,che dalla mia poca sapienza è un punto fondamentale in un motore termico.
  14. chissà se prima di fare questo cinema,hanno ottimizzato i difetti del cambio di quel motore,perché come il motore della Vespa il sachs è stato pensato per sviluppare 15 cv diventati poi 18 con S.W.M. e affini,chi metteva per bene le mani al cilindro,tirava fuori 21/22 cv ma doveva fare i conti con il cambio. Figuriamoci a 30