Discussioni

Showing topics posted in for the last 365 days.

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. Tanto per essere pignoli,quello è un volano della pk 125xl e ets.Un pò pesantuccio ma fa il suo lavoro.Se vuoi evitare rogne-noie-cose che funzionano solo a fari accesi e modifiche varie...spendi 50 euro e compra impianto eletrico del pk 125s con relativo devioluci e frecce,faro anteriore del pk 125 di quelli da pochi euro.Monti senza modifiche e all'anteriore hai luce in abbondanza;al posteriore puoi decidere se mettere anche lo stop(consigliato).Posso garantirti che non te ne pentirai.
  3. Flat, la sonda sulla candela puoi buttarla in naviglio quando vuoi, l'unica che ha senso è la EGT, che normalmente uso e della quale conosco (ormai) i valori di utilizzo. So bene in quale frangente il motore soffre di più. Ieri non era montata, mea culpa. Col mio 244 posso stare a metà gas quanto mi pare, se un motore è a posto è a posto. A palla di cannone non è furbo, semplicemente perchè è un motore ad aria e fisiologicamente si scalda più di un motore a liquido. La candela nocciola la nomino perchè se parlo di 500° a 10cm dal pistone è un riferimento che in pochi hanno.
  4. Today
  5. Non sono io, è che probabilmente hai sbadigliato!
  6. Successo anche a me, pensavo fosse rotta...
  7. Bella rogna... Sarebbe da portarlo da un fresatore e vedere se ti fa gli alloggiamenti per dei cuscinetti a rullini oppure delle bocole ad interferenza.
  8. anche io faccio così, i cavi tengono, non farti troppe seghe mentali . poi se anche si rompesse un cavo qual'è il problema? lo cambi soprattutto se ha 30anni
  9. Allora, parere mio ehhh... Alza un po' quello scarico... L'uovo di colombo sarebbe 180 gradi... Con 170 gradi, la 23/68 e la quarta 21/36 farai poca velocità... Oltretutto con la valvolona e il 28 gliene butti dentro di roba... Aggiungi poi un RC un po' alto e con 170 gradi sei a rischio detonazione... Ragionando con 180 gradi Per la marmitta ci voglia una padellona tipo BBS o Sip XL... Mi sembra che tu abbia improntato il tuo motore sulle prestazioni e quindi se hai degli euro a disposizione puoi anche dirigerti anche su una espansione... Ma già con una padellona grossa (io ho citato solo le commerciali) andresti benone. Io poi ti raccomanderei una primaria a denti dritti ma so che non è argomento di discussione quindi... Per la fasatura di aspirazione col collettore e il phbh puoi spingerti più in là col ritardo... Dove col SI aveva dei problemi di rifiuto, col phbh non ne avrai quindi puoi arrivare a 75 gradi sensa problema... Se la valvola è buona. Per l'anticipo puoi dare qualche grado di incrocio con la fase di travaso, 3 o 5 gradi... Se monti l'espansione sarà un buon lavoro, altrimenti con la padella io ti consiglio di iniziare appena finita la fase di travaso senza andare a cercare grane... Presumibilmente sarai intorno ai 120 gradi ma misura sempre che ogni motore è diverso. Buon lavoro!
  10. Ciao, io di solito compro qui https://www.10pollici.com/it/homepage/vespa-classica/motore/pistoni-e-segmenti/largeframe/piaggio/spinotto-grand-sport-biconico-16x50mm-per-kit-malossi-210-sport-mhr-pinasco-215-polini-152cc-208cc-vespa-200-rally-p-200-e-px-20.1.1.241.gp.6299.uw Ma credo lo troveresti ovunque...
  11. Yesterday
  12. cerco falc 58x56 lamellare al cilindro, preferibilmente booster
  13. Avevo omesso di dire che tranne il cilindro,tutti e due i motori stanno gia viaggiando con i suddetti componenti e che devono rimanere quelli per adesso.Quello con albero mec eur dove adesso alberga un 200 rifasato con travasi di base aperti ha fase aspirazione 120-75,dovrebbe bastare. L'altro che monterà l'albero polini era gia equipaggiato con un 208(grippato,è quello che rettifico e passo sul mec eur) quindi carter gia raccordati ma con valvola originale e fasi ancora da misurare e decidere.Ho anche un paio di teste piaggio da riprofilare ma il torniere ha sparato alto e spendo meno a comprare 2 polini... Come punto fermo resta il pelo di tolleranza in piu in fase di rettifica e su quello nuovo ci faccio passare lo scupineddu con le pietre e un paio di centesimi li mangio anche a lui,conoscendo i personaggi che li guideranno meglio un pò di scampanellio che vedermeli tornare sotto casa a piedi in tempi brevi. Seguiranno misurazioni di squish e quant'altro appena ci metto le mani.
  14. cerco carburatore 34/35/36/38 phsb
  15. Esatto, il condensatore è un componente elettronico con una funzione ben specifica: accumulare energia. Vedilo come una batteria, ma carica e scarica molto molto più velocemente. Accumula l'energia prodotta dall'avvolgimento statore nel giro del volano e quando le puntine si aprono la rilascia praticamente istantaneamente alla bobina AT, semplice ed efficace. Il limite è meccanico, perchè oltre un certo numero di giri, la molla delle puntine non fa in tempo a farle richiudere ed il condensatore non ha a sua volta tempo di caricare. Bisognerebbe farle desmodromiche per ovviare al problema. Il condensatore tipo DRT (o un comune condensatore in poliestere non polarizzato da 0.33 microfarad) è un condensatore con una capacità di immagazzinare energia leggermente superiore rispetto all'originale. Questo però "paga" in termini di velocità di carica e scarica, dunque agli alti giri, "ritarda" di qualche attimo la scarica verso la bobina AT, generando appunto un ritardo di accensione.
  16. vendo x30 adesivi originali dell'epoca PROMA. 3 euro caduno, spedizione 3 euro
  17. Last week
  18. Grazie per l'aiuto, comunque adesso ho solo un 50 come minimo senza emulsionatore, dato che il vecchio emulsionatore si era talmente ossidato che alla fine non é piú uscito dalla sede e ho dovuto toglierlo con le maniere pesanti, purtroppo la sede si é un po' rovinata, magari se passassi una filiera potrei riprenderla, alla fine non mi ero fatto problemi perché sulle rs 125 molti non lo usano l'emulsionatore... comunque al minimo non imbroda e tiene magicamente pure il minimo che in vita sua non ha mai tenuto ahah! Ho pensato di agire cosí, in base a quello che ho tramite quel foglio di calcolo vedo qual é la soluzione migliore per me e di conseguenza provare, se mai ritorno al phbh 30, che in una giornata dovrei riuscire a carburarlo, anche perché ho tutto a casa. Il carbu é senza filtro e il pozzetto foderato .
  19. Non hai un’altra campana con anello da provare?
  20. Complimenti! Goditi le meritate ferie
  21. Il forum porta fortuna! Ho trovato su subito.it una coppia di carter con il cambio completo a 100 euro spedizione compresa! Di questi tempi è un grande colpo di c... Di fortuna!
  22. Io quelle del VForce le ho rifatte utilizzando un foglio Malossi da 0.35, ma ci ho messo 2 giorni a farle, erano comunque per un primavera, sul PX non scenderei sotto allo spessore 0.40.
  23. MODIFICA DEVIO LUCI VESPA 50 SPECIAL normalmente aperto con collegamento e modifica impianto originale Spero di fare cosa utile allegando lo schema della modifica e del collegamento all'impianto originale in modo da avere tutto funzionante. SCHEMA SEMPLIFICATO MODIFICA MODIFICA PULSANTE CLACSON 1) Si sollevano le alette con un piccolo cacciavite ed una pinzetta, dilicatamente per non rompere il tutto vanificando il lavoro. 2) Sotto alla rondellina si noterà che c'è un punto dove va in battuta ed è in rame, questo crea contatatto fra le due linguette come prima e va eliminato con la punta del cacciavite controllando con il tester che non ci sia più contatto fra le due linguette appunto. 3) Ripiegare le alette leggermente in modo che la rondellina quando si preme il pulsante del clacson le tocchi entrambe chiudendo il contatto 4) FACOLTATIVO - Per limitare la corsa del pulsante ed impedire alla rondellina di oltrepassare le alette magari restando incastrata basta mettere un piccolo o-ring in gomma fra le spire della molla anteriore del pulsante ed in questo modo non si può premere più di tanto. PUNTO 2 - E' la cosa leggermente più complicata del lavoro AGGIUNTA FILO E TAGLIO DELLA PISTA FRA DEVIATORE E PULSANTE CLACSON 1) Far passare un filo aggiuntivo (nello schema è BLU, ma potete usare quello che avete a disposizione) nella guaina del devio luci lasciandolo leggermente lungo, questo filo poi si può sdoppiare dietro al devio luci ed utilizzarlo per clacson e spegnimento. 2) Unire con lo stagno i 2 fili (stesso colore, nello schema è BLU, ma potete usare quello che avete a disposizione). 3) Predisporre (infilarlo prima di stagnare) del termo restringente che possa prendere entrambi i fili e non si stringa quando verranno aggiunti al devio luci. 4) Tagliare la liguetta che fa da ponte fra il contatto superiore del clacson ed il deviatore (vedi immagine) In questo modo si può rimovere il dentino corto che è rimasto appiattendolo e sollevare la parte di pista in rame che va verso il contatto clacson in modo da stagnarci i 2 fili preparati precedentemente senza che si scaldi troppo il contatto del clacson diventando lasco nella plastica. 5) Stagnare i 2 fili alla linguetta sollevata e poi coprire il tutto con il termo restringente infilato precedentemente sui 2 fili, in questo modo quando si va a ripiegare verso il basso la linguetta resterà isolata da dove era collegata prima e dal manubrio venendo così un bel lavoro. MODIFICA PULSANTINO SPEGNIMENTO Quando si rimuove il coperchio del devio luci si può notare che ha al suo interno una leva di metallo che termina con una forchettina ed è azionata dal tastino che si trova in basso. Questa levetta metallica si può anche togliere facilmente dal coperchio ed agevola il lavoro volendo. Funzionamento originale = la forchettina fa contatto fra il piolino del filo NERO e quello del filo ROSSO quando si preme il tasto di spegnimento Ora si capisce meglio perchè aggiungo un secondo filo dietro al devio luci: Siccome il filo NERO originale non è più la massa, ma diventa il positivo del devio luci stesso uso il filo BLU per portare la massa al cacson ed allo spegnimento. Procedimento: 1) Far passare il filo aggiuntivo, (precedentemente stagnato insieme allo stesso che però finisce nel manubrio) che deve essere abbastanza lungo, nel foro libero del devio luci in modo da uscire frontalmente . 2) Piegare la forchetta che fa contatto con il piolino del filo NERO in modo che non ci sia più contatto una volta montato il coperchio. 3) Far passare il filo (facendo alcune prove di montaggio) verso l'alto attorno all'interruttore delle luci per poi discendere e collegarsi alla linguetta nel coperchio 4) Stagnare il filo aggiuntivo alla linguetta magari dall'alto in modo che non faccia contatto con il piolino una volta montato il tutto Nota: Il filo forzerà rispetto alla sede della vite che tiene il coperchio in posizione, andrebbe leggermente limata. Funzionamento: Ora la linguetta è collegata ad una massa che è la stessa del pulsante clacson e quando si preme il pulsantino di spegnimento il filo ROSSO è a massa spegnendo la vespa come succedeva in origine. COLLEGAMENTO FILI IMPIANTO ELETTRICO Per quanto riguarda il collegamento sull'impianto oiginale vanno separati il filo BIANCO ed il filo GRIGIO. Lato impianto elettrico il BIANCO se messo a massa fa suonare il clacson che è sempre alimentato dal doppio filo VERDE. Il filo GRIGIO alimenterà la luce di posizione posteriore come in origine, ma non sarà più il ritorno di alimentazione dal clacson come in origine visto che viene separato appunto dal filo BIANCO. FILI DEVIO LUCI FARE ATTENZIONE! In questo caso lo schema riporta i colori originali, ma cambia la funzione di alcuni fili! BLU = FILO AGGIUNTO PRECEDENTEMENTE (ovviamente potete usare il colore che preferite o che avete a disposizione). Essendo una massa la si collega al secondo pin che in genere ha il fanale o più semplicemente al NERO dell'impianto elettrico originale. La funzione è quella di fornire una massa allo spegnimento ed al pulsante del clacson. NERO = Alimentazione (+), che sia Alternata a Continua non cambia, basta che sia regolata, originariamente il filo è nero e si tratta di una massa che spegnendo le luci mette in corto circuito la bobina delle luci (vedi schemi semplificati) una volta modificato il devio luci questo filo invece sarà l'alimentazione di tutte le luci per cui va collegato al doppio VERDE dell'impianto elettrico BIANCO = Positivo Luce di posizione posteriore, accendendo le luci si alimenta il filo BIANCO e la pista che porta al deviatore fra filo MARRONE e VIOLA. Dopo la modifica va collegato al filo GRIGIO dell'impianto elettrico in modo da accendere corettamente la luce di posizione posteriore (che è a massa tramite la vite sul telaio). VERDE = Massa clacson, avendo modificato il devio luci il pulsante del clacson ora è aperto ed il filo VERDE originale viene messo a massa dal filo BLU aggiuntivo (potete usare qualunque colore). Questo filo va collegato al BIANCO dell'impianto elettrico in modo da fornire una massa al clacson quando il pulsante viene premuto chiudendo il contatto. ROSSO = Spegnimento come in origine. MARRONE = Alti o bassi come in origine. VIOLA = Alti o bassi come in origine.
  24. Averci il vil danaro disponibile la comprerei io Peccato che non ce l'ho
  25. Ciao @FilippoRace Anche tu Biellese allora.
  26. Silenziatore Jolly non più disponibile. Diametro imbocco 40mm. Prezzo ribassato 315 euro inclusa spedizione.
  1. Load more activity