The Hand of The Monkey

Utente
  • Content Count

    124
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

The Hand of The Monkey last won the day on December 13 2018

The Hand of The Monkey had the most liked content!

Community Reputation

14 Neutral

About The Hand of The Monkey

  • Rank
    Advanced Member

Personal Information

  • Birthday
    01/17/1978
  • Place
    Parma

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Io ho detto il contrario.
  2. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Sicuramente sì, ma prima di metter il modulo giravo appunto a 20° di anticipo (ma non avevo ancora il sensore di temperatura). La mia impressione è che scaldasse tantissimo "in viaggio", ma all'epoca il motore lo avevo da poco e i motivi potevano essere molteplici, compreso il tappo allo scarico costituito dalla giannelli/proma, oppure molto probabilmente la carburazione non ottimale. Insomma non ho un gran ricordo di quegli albori, per questo tornare indietro mi pesa..
  3. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Non proprio un motore per tutti... Sicuramente sì, ma se la Vespa tra 4000 e 7000 rpm ha un ritardo tra i 18,5° e i 16°, in realtà è nella forchetta di utilizzo più frequente, mentre resta più anticipata in basso dove, a meno tu non sia in coda in autostrada o a passeggio al minimo, ci sta poco. E' pure vero che settarla fissa a 20° o a 21°, se andassi a passeggio sarebbe come ora che ho il modulo variabile. Insomma, io ci vedo solo vantaggi anche in una variazione lineare e ignorante non studiata al banco e quindi non ottimale... A riprova posso dire che non ho mai avuto il minimo inconveniente (dopo aver avvolto il modulo con un po' di spugna in modo che non prendesse vibrazioni dalla carrozzeria, oppure sulla lambretta, fissandolo bene con una fascetta). Mi stai mettendo ansia 😂 L'M1d60 è monofascia, l'ansia cresce 😂😂 Ne avevo uno sano... l'ho venduto senza mai provarlo...
  4. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Beh McK, dopo aver provato parecchi settaggi del 24 senza venire a capo del fatto che o era magra e scaldava, o era grassa e si ingolfava (e comunque scaldava), ho capito che là sotto non c'era abbastanza aria per il 24 (e non accetto il compromesso di togliere il filtro o togliere la vaschetta sottosella o altre amenità del genere), quindi ho messo un carburatore più piccolo e per adesso pare una soluzione vincente per i miei propositi. Siccome ho messo il modulo CAV come uno dei tanti tentativi di abbassare le temperature di esercizio e siccome tutti i motori moderni hanno l'anticipo variabile, perchè mai dovrei tornare a quello fisso? E' chiaro finalmente che (ma in fondo solo la mia inesperienza non lo voleva capire) il problema era la carburazione. Una vera espansione con il 24 con una adeguata fornitura di aria potrebbe essere una via da sperimentare, ma ora ho imboccato la via opposta con il "downsizing" del carburatore e promette bene. Ora carburo ad alti regimi, faccio qualche raduno e poi vi dico le mie impressioni, meteo permettendo 😁
  5. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    L'ho voluto io così, perchè ritengo sia il miglior peso, sempre in ottica turistica. Riconoscendo quindi i vantaggi di una accensione ad anticipo variabile, ci ho aggiunto il modulo CAV e taac, mi sono trovato una accensione come volevo io. Che poi sia meglio una IDM più leggera, se non provo non posso dirlo ma il fatto è che quando si ragiona di configurazioni, le persone hanno il preconcetto che tutti vogliano il super motore, senza invece considerare che c'è chi, come me, vuole invece un motore con componenti che reggano ben altre cavallerie, proprio per avere l'affidabilità. Mi spiego moglio: se il mio motore tira 1500 rpm in meno, 10 km/h in meno o altre cose simili, per me non è un problema. Il mio proposito è il turismo veloce assieme ai PX 200 per intendersi, quindi consumi ridotti, alta velocità di crocera, affidabilità. Quando due o forse ormai 3 anni fa dissi a MAV come mi doveva fare il motore, lui mi ha accontentato, ma sapevo che non stavo facendo l'ideale per il cilindro che mi stava mettendo. Avevo già il suo albero corsa 53 e biella 105, volevo mantenere la valvola, non volevo assolutamente una espansione (esteticamente le odio). Perciò per quanto riguarda la chiusura del motore tout-court, posso dire che non ho avuto più il minimo problema grazie alla sua frizione, alla sua revisione delle marce, e al suo adeguamento del GT alla corsa imposta. Credo che questo motore mi durerà molto a lungo 🌶️ e quando per un imprevisto dovrò rifarlo, tornerò ancora da Simone. Tornando alla marmitta, vorrei spendere ancora due parole: ho provato la Proma di Giannelli, così come la vendono, e a mio avviso la FACO che mi ha preparato Raven funziona molto meglio per via, ovviamente, del collettore maggiorato. Mi piacerebbe davvero tanto invece provare un collettore maggiorato da accoppiare alla mia F.lli Fresco, che sull'ET3 originale mi dava molta soddisfazione e credo potrebbe dire la sua anche con l'M1d60. Epperò la mia manina non sbaglia, nel senso che sento veramente la cuffia fresca, mentre quando scalda(va) non potevo tenerci la mano, in quanto il GT è così cicciotto che è a diretto contatto con la plastica della cuffia e in passato me l'ha pure fusa sul fianco interno (l'ho rinforzata col nastro in alluminio per tubi). Non ho grippato e ci ho tirato abbastanza da farlo se fosse stato il caso. Uso molto anche l'orecchio ovviamente. La candela l'ho messa nuova, quindi diamole tempo di colorarsi, ciononostante ho già ordinato un getto 98 e un getto 100. Partirò ovviamente da quest'ultimo e allora sì che guarderò la candela, perchè la temperatura mi dice se sono magro ma non se sono invece grasso. Vedi sopra. Ragioniamoci. Non mi pare proprio, ma ci starò attento visto che poni il problema. Può essere. Ma resto convinto che il GT in alluminio sia meglio del DR in ghisa, che la variabile sia meglio della fissa, che l'albero artigianale MAV sia meglio di un qualsiasi alberello simil-originale in commercio, che la 10 molle sia meglio della frizione originale, etc.. etc...
  6. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Lo squish è 12 decimi e il rapporto di compressione non saprei, ma il motore è stato chiuso da un professionista (MAV), quindi sono tranquillo. Io faccio fatica a vedere gli 8000 giri, probabilmente anche a causa del volano da 1,6 kg.. ma mi sta bene così 🙂 Questo non lo sapevo. Comunque il mio proposito resta sempre l'affidabilità data da componenti sovradimensionate rispetto alla potenza in gioco. Io naturalmente ho la 105 mm.. Beh se la temperatura ora è a posto, potrei provare a vedere come si comporta con l'anticipo fisso, ma mi pare un downgrade... Non posso darti torto, ma con il sensore ho già fatto quasi 8000 km e ci ho preso molta confidenza. E' un indicatore molto affidabile (almeno nella indicazione di variazione... nel valore assoluto invece non so).
  7. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Ma in corsa 53 come il mio? Perchè io mi spiego le scarse prestazioni con il fatto che se fosse stato fatto con la corsa per cui è studiato (51) forse guadagnerebbe quei 1000 o 1500 giri che mancano. Io turisticamente parlando lo trovo davvero buono ed è ciò che desideravo quando l'ho fatto fare da MAV. Però mi sono impuntato sulla valvola e sul corsa 53. Col senno di poi lo proverei lamellare e in 51, anche perchè il collettore lamellare con la mia valvola sana fa un mezzo servizio. Siccome il mio obiettivo principale è l'affidabilità nel turismo veloce, avendo finalmente risolto la temperatura, forse anche i consumi e se riesco a riprendere altri 5/6 km/h di velocità, avrei finalmente il mio motore ideale, con buona pace dell'ape del mitico gallo 🤣 Di soldi ne ho spesi tanti su questo ET3, fra dotazioni, accessori e motore, per questo non rinuncio a far funzionare la mia idea del corsa 53 a valvola, anche se sbagliata 🙂 Avessi concentrato tutti sti soldi sulla Lambretta, sarei molto più felice, ma col senno di poi è facile scrivere.
  8. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Urby, visto che parliamo di velocità di punta, ho dimenticato di citare il fatto che ho il rapporto primario 28/69.
  9. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Ciao Urby! Dunque, prima, in condizioni particolari (vento a favore? leggera discesa? Le tangenziali sono mutevoli 😃) il display ha registrato i 106 km/h, ma forse avrei potuto spuntare ancora qualche kilometrino.. ieri sera invece sono arrivato solo a 95 km/h, ma ho fatto solo una prova....
  10. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Eccomi. Vi racconto la mia esperienza. Ho montato il collettore lamellare e il CP21 con filtro a chiocciola classico Polini, getto del minimo sconosciuto, spillo alla terza tacca di 5 (ovvero al centro) e getto massimo del 96 (era un 104 sul 24 PHBL). Intanto i materiali: è tutto molto grezzo; il maschio del collettore non voleva saperne assolutamente di accoppiarsi con la femmina del carburatore (bella descrizione 😂😂) e ho dovuto sverginare col Dremel l'interno dell'imboccatura del carburatore di qualche dedimo. Ora si incastra a fatica, come deve essere, ma almeno si incastra. Carburazione: non ho toccato nulla, affidandomi al termometro del display SIP e considerando la temperatura ideale pari a 135°C; il motore ora è molto più reattivo; se butto giù tutto il gas non tende a soffocare e ha una progressione moooolto buona; è un pò scorbutico ai medio/bassi ma forse ingrassando con un'altra tacca di spillo potrei risolvere. Il riscontro della carburazione lo cerco nella variazione della temperatura e non nel colore della candela che guarderò per sfizio (ma ogni volta che tolgo la candela rovino un po' l'anellino del sensore della temperatura e quindi non voglio toglierla senza motivo). Quindi, venendo al sodo, la temperatura rimane bassa ai medi regimi (ovvero fino a 85 km/h - 6000 rpm), vale a dire che resta tra i 130 e i 140°C; se mi fermo e resto al minimo cala drasticamente a 100 - 110°C e se invece ci tiro a fondo (riesco addirittura a finire la corsa della manetta del gas), la temperatura sale fino a 150°C. Ho fatto un paio di km a manetta ma forse avrebbe continuato a salire (la temp), riscontrando che ho perso almeno 5 km/h di velocità di punta in quanto non ho superato i 100 km/h di tachimetro. Quindi il mio referto è il seguente: non ho grippato, quindi seguire le temperature come indizio di carburazione non è sbagliato; la carburazione di progressione (che è la mia velocità di crocera, ovvero tra i 70 e gli 80 km/h virtuali di tachimetro) è ottima in quanto le temperature finalmente non salgono più (per esempio, due settimane fa rientrando da Asti, con molto vento, mi saliva la temp addirittura a 170°C e oltre); in progressione è molto reattiva; tiene bene il minimo e la temperatura rimane bassa, sotto i 100°C; devo provare ad ingrassare il massimo, quindi partirò da un getto 100 e, se troppo scenderò al 98, probabilmente riguadagnando un po' di velocità di punta. Appena avrò modo di fare qualche centinaio di km per un raduno vi aggiornerò sui consumi, che dovrebbero essere calati molto. Sono molto soddisfatto.
  11. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Bisogna anche dire che avendo la temperatura sempre sotto controllo non ho alcun bisogno di togliere la candela ogni volta per verificare la carburazione, ma posso farlo solo alla fine giusto per... infatti se la temperatura sale automaticamente la carburazione è magra! Sono sempre più convinto che non potendo dare più aria al carburatore 24, dovrei passare ad un carburatore più piccolo come ad esempio un 21 e magari con lamellare, così mi tolgo lo sfizio...
  12. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Scusami ma sì, ho ritardato il più possibile proprio perchè ho la convinzione che più ritardo più la temperatura migliora. Al momento non posso essere preciso perchè ho giocato un po' col trimmer, ma partendo da 21° dovrei essere a 17,3° a 6000rpm e a 16,5° a 7000 rpm... mi sembra un valore corretto. Infatti come spiegato all'inizio, non ho alcun problema di temperatura agli alti (potrei stare al massimo per km e km). Il problema sono i medi, ovvero 4-5-6000rpm, che è il numero di giri a cui il motore gira per più tempo quando sei in viaggio. Nei miei calcoli a 4000 rpm sono a 18,8°, a 5000 rpm sono a 18° e a 6000 rpm 17,3°.
  13. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Sì, storia vecchia, la Faco modificata và mooooolto meglio (bisognerebbe modificare anche il collettore di una proma per andare meglio della FACO forse) e senza il modulo per l'anticipo dovrei mettere fisso a 21 e sarebbe troppo anticipata in alto scaldando tantissimo. No McK, ribadisco che la FACO svuotata con collettore maggiorato funziona molto bene per la mia andatura turistica (meglio della Giannelli simil-proma che murava di brutto), inoltre la centralina CAV per modificare l'anticipo fa tutto il suo dovere consentendomi di mantenere una accensione Piaggio con il volano che del peso adeguato. Purtroppo il volano originale PK forse non ha le alette con aerodinamica sufficiente a garantire una adeguata portata d'aria, tanto che devo stare sempre senza sportellino e in più ho tolto le traversine centrali del coprivolano per fargli intercettare più aria. Ho messo addirittura la CAV sulla Lambretta e sono molto soddisfatto. Tornando al vero problema, secondo me, è una questione di portata d'aria. In altri termini, non ho aria sufficiente al carburatore per poter ingrassare di più la carburazione.. infatti con lo spillo completamente basso la vespa funziona molto meglio, ma in viaggio nei lunghi rettilinei scalda... quindi o trovo la maniera di carburare meglio i medi con la quantità di aria che ho, o trovo come fa andare più aria nel carburatore, oppure trovo un carburatore più piccolo... Aggiungo infine che, dopo due anni che combatto con questo motore che, invero, ha una affidabilità fantastica (se solo trovassi la carburazione adeguata), posso affermare che ha un errore fondamentale: la corsa 53. Errore mio.
  14. The Hand of The Monkey

    Carburazione di fino M1d60

    Ciao a tutti, faccio una premessa sulla mia attuale configurazione: M1d60 albero MAV corsa 53 alimentazione classica a valvola 24 PHBL (non ricordo minimo e massimo ma non sono il problema) spillo d22 e aq264 prima tacca dal basso ovvero completamente basso filtro malossi in spugna completamente aperto verso il basso marmitta FACO svuotata e con collettore maggiorato volano da 1,6 km accensione Piaggio con modulo variatore CAV Supponendo che l'anticipo sia abbastanza ritardato e prendendo con le molle le temperature fornite dal display del contakm SIP, ho il seguente problema: viaggiando sotto i 60 km/h (circa 3000 rpm) la temperatura non supera i 135°C (ottimo); viaggiando dagli 85 km/h in su fino al massimo (circa da 6000 rpm fino a 7500) anche per parecchi km, la temperatura rimane costantemente quella raggiunta (di solito meno di 160°C, che comunque mi paiono tanti, motivo per cui dubito del termometro), e quindi anche se un po' caldo non mi preoccupo; il vero problema è viaggiare tra i 70 e gli 80 km/h (5000-5500rpm), ovvero la velocità di crociera col mio amico col px200, in cui le temperature si alzano costantemente anche oltre i 175°C, dandomi molta preoccupazione. La spiegazione che mi sono dato è stato il passaggio dalla 2^ tacca alla prima tacca dello spillo (ovvero ho smagrito) ma in realtà la vespa così va molto meglio e comunque scaldava tanto anche in 2^ tacca; un altro comportamento anomalo, peggiorato portando da seconda a prima tacca, è il fatto che ho una soglia di gas (appunto intorno ai 6000 rpm in quarta) in cui se tolgo gas sento la vespa scappare in avanti e se voglio invece andare più forte devo dare gas girando molto la manopola e finalmente sentire la vespa che progredisce. La mia spiegazione, considerando l'andamento delle temperature, è che io sia troppo magro ai medi (però la terza tacca di spillo la provai l'anno scorso ma la vespa era super ingolfata e non salivo in collina neanche in terza). Ho pensato perciò a 3 soluzioni: chiedere a voi se esiste uno spillo e un polverizzatore diversi da provare; tornare ad una carburazione più grassa e aprire uno squarcio nel telaio per fare arrivare la quantità d'aria per un adeguato rapporto stechiometrico tra miscela e aria; cambiare radicalmente carburatore, magari un PHBL 22 lamellare al carter come quello di un mio amico. Prego, votate!
  15. The Hand of The Monkey

    Prigionieri per cerchi tubeless FA Italia

    Ecco qua: