sirvano

Admin
  • Content Count

    408
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    11

sirvano last won the day on April 29

sirvano had the most liked content!

Community Reputation

315 Excellent

About sirvano

  • Rank
    scissionisto

Personal Information

  • Birthday
    01/01/1970
  • Place
    Gerusalemme

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. sirvano

    Motori VLB1M

    Ed eccomi di nuovo alle prese con questi motori VLB1M. Visto che il simpatico signore del tüv non si fida ad omologarmi il progetto "XB 52" (motore segreto di cui parlerò a tempo debito), mi toccherà lavorare "all'italiana" presentandomi alla revisione con un blocco tutto originale (in apparenza). Punti fissi: corsa ed alesaggio devono rimanere originali carburatore originale marmitta omologata accensione Ducati PX (il blocco va sulla mia sprint veloce crucca che ha il mio impianto che è predisposto per la Ducati) Quindi rimarrà il superquadro 57x57, con il SI 20.20D... ora viene il bello. Dovendo montare il cilindro originale, devo scartare i carter di quel blocco del '78 che avevo predisposto come motore muletto, in quanto ha i travasi lavorati. A meno di prenderli e stuccarli... Anche l'idea di abbinarci il VMC è scartata perché ho saputo che durante il collaudo al tüv, l'ingegnere spesso e volentieri si prende la briga di tirar giù la testa e misurare corsa ed alesaggio... per questo motivo corsa e alesaggio devono rimanere originali! Ho già tra le mani un albero Mazzucchelli by SIP per montare l'accensione Ducati sui motori a cuscinetti grossi... Ho in giro un altro blocco del '76, che ho ottenuto mediante un ardito scambio. Tuttavia sono indeciso sul da farsi in quanto detto motore è ancora vergine come mamma Piaggio l'ha fatto, in condizioni meccaniche assolutamente perfette... La frizione sembra appena tolta dalla confezione, sembra nuova! il cilindro è praticamente come nuovo, il pistone non ha mezza scaldata (ha solo le fasce incollate, deve essere rimasto fermo veramente a lungo in una cantina), l'albero gira praticamente solo soffiandoci sopra, la valvola è immacolata. Insomma, aprirlo solo per cambiare l'albero e farci un motore muletto mi sembra un peccato. Da qui l'insana idea di riconsiderare la possibilità di provare il cono crimaz di adattamento 17/20, che però non mi entusiasma perché come concezione meccanica mi lascia perplesso. Questo oggetto va ad accoppiare quel bestione del volano PX su quel cono mingherlino mediante due accoppiamenti conici sullo stesso asse e due linguette woodruff. Per funzionare correttamente, dovrebbe essere realizzato con una precisione molto elevata, che garantisca che entrambi gli accoppiamenti conici siano assolutamente perfetti. Ma non avendolo mai preso in mano, non so che qualità abbia, né tantomeno se le sue linguette woodruff siano state correttamente dimensionate. Voi cosa fareste?
  2. probabilmente sono i fili per il manubrio
  3. sirvano

    Specchietto per vespa che vibra

    Questi sono gli specchi che monto io https://www.scooter-center.com/de/spiegel-bumm-chrom-edelstahl-nierenform-vespa-gross-1050145?number=1050145 sono molto larghi, cioè sporgono parecchio a sinistra (o a destra), ma si fissano alla perfezione e ci si vede alla grande. eccoli
  4. sirvano

    li prima serie

    Uaaaaaaaaa Va quasi come la supèrr Ma un po' meno della erreuno Occhi aperti, mi raccomando
  5. sirvano

    Restauro: vespa 150 s.v. 1974

    Io di solito, se presenti, smonto con estrema cautela le strisce originali, le pulisco, le lucido e le riutilizzo applicando il profilo in gomma di Pascoli. Se le strisce originali sono assenti o irrecuperabili, prendo il kit CIF e butto via i profili di gomma compresi nel kit. Con questo kit bisogna arrangiarsi e bestemmiare, per la cronaca nella sprint veloce di cui ieri ho postato le foto c'è ben uno di questi kit, cui ho montato i profili di Pascoli. Bordo scudo: quello Piaggio si trova ancora facilmente, di certo non è il più economico ma vale tutto quel che costa. Prima di acquistarlo bisogna informarsi sull'origine e se possibile prenderlo in mano. Io di solito lo acquisto in negozio, o a Novegro dove posso guardare e toccare prima di acquistare... o al limite su SIP, dove posso senza problemi renderlo (qui in tedeschia il reso è gratuito, senza ma né perché). I bordo scudo economici di concorrenza sono da evitare come la peste: hanno delle rifiniture orribili e sono veramente duri. L'anno scorso ho provato a montarne uno, sono impazzito per delle ore e alla fine ho solo rovinato lo scudo. Risultato: bordo scudo da buttare, comprato uno Piaggio... E via.
  6. sirvano

    Restauro: vespa 150 s.v. 1974

    È proprio quella la parte più difficile! Perché venga bene è necessario avere un ottimo bordo scudo in alluminio cotto. Poi è fondamentale che il telaio sia in condizioni perfette, con l'attrezzo bisogna accompagnare il bordo scudo in basso fino a che lo strumento ci arriva, quindi bisogna rifinire le superfici con una pinza opportunamente modificata, che non lasci segni sul morbidissimo alluminio. A questo punto bisogna deformare i listelli in modo tale che le battute coincidano nel modo più armonico possibile, coi listelli cotti originali Piaggio è facile perché sono morbidi come il burro, mentre quelli aftermarket sono decisamente più rigidi e bisogna usare i muscoli (coi guanti di velluto per non rovinare la vernice). Il bordo scudo è nella posizione giusta se abbraccia la lamiera formando un fazzoletto che copre bene il foro del telaio in quanto, nel montare il puntale del listello esterno, il ribattino deve attraversare il bordo scudo stesso che va forato con punta da 3,5mm. I ribattini sono di due tipi: a testa piana e perno da 2.9mm, da usare nel corpo listello a testa bombata e perno da 3.4mm, da usare per i puntali. Da preferire quelli in alluminio cotto non legato, in quanto sono molto teneri. Io lo ho trovati in una ferramenta molto attrezzata, disponibili in varie lunghezze. Meglio lunghi he corti, si possono accorciare con una tenaglia e poi rifinire con una lima prima del montaggio. Quelli presenti nei kit aftermarket di solito non li uso mai in quanto sono durissimi. Idem con patate per quel che riguarda il profilo di gomma: il migliore è quello che vende Pascoli, gli altri si sbriciolano nel giro di pochi mesi perché il loro impasto ha troppa poca gomma (sembrano più di plastica che di gomma). Tempo di montaggio bordo scudo e listelli (per me che non sono esperto): 12 ore. Io ho imparato dal Luigi "Vespainter", che lo fa di mestiere... lui il bordo scudo lo monta in 5 minuti e i listelli pedana in meno di mezz'ora.
  7. sirvano

    Tre vespe a zonzo 2018

    Il 25 agosto si parte con @Jimmiil pedofilo, direzione da definire, nel giroditaglia e sodomia atto III, questa volta in due settimane... Tu quando hai la finestra per il giro?
  8. sirvano

    Restauro: vespa 150 s.v. 1974

    I lavori procedono, ecco un paio di foto...
  9. sirvano

    Restauro: vespa 150 s.v. 1974

    Il motore andrebbe lavato rigorosamente nella doccia. Il tarzanello ha alto potere disincrostante. Tuttavia per pigrizia ho preferito usare la lavastoviglie, la prossima volta però devo ricordare di fare a meno della pastiglia di detersivo, che lascia un sacco di aloni sull'alluminio e vanifica il vantaggio tecnologico. Tra l'altro, finalmente ho trovato un pratico utilizzo di quel forno nucleare che va a corrente trifase, fortemente voluto dalla signora di casa. Mi è costato un rene, ma raggiunge i 300 in pochi minuti. I cuscinetti van su come il burro, provare per credere. Prima però è saggio attendere che la signora vada a scegliere quale vestito ricevere come regalo, che da sola è più tranquilla e può decidersi con calma.
  10. sirvano

    Restauro: vespa 150 s.v. 1974

    La moglie della Vespa, sul tavolo della cucina, pensa che la prossima sarà una cosa. Ma forse no. Per ora sono riuscito a spacciare il tutto per "suppellettili di arredamento". Una cena al ristorante ha funzionato come azione distraente. Vedremo quanto dura, poi dovrò escogitare altre azioni di distrazione.
  11. sirvano

    Restauro: vespa 150 s.v. 1974

    La mano sapiente brandiva sapientemente l'arnese che spruzzava abbondantemente... Ed era mano femminile....
  12. sirvano

    Restauro: vespa 150 s.v. 1974

    Ed ecco la mia vecchietta ritornare splendente dal reparto verniciatura... il colore è venuto molto bene... Ma voglio lasciare un po' di spazio alla fantasia a fine lavoro scopro le carte
  13. sirvano

    1000 km Vespistica 2019

    Meglio portarne anche 3 o 4 di ruote di scorta, che passate vicino alla ditta Barlenga...
  14. Di trapani proxxon ce ne sono svariati modelli, specifici per le varie applicazioni. Ci sono quelli a 12V che richiedono il trasformatore ma sono più leggeri, quelli a 220V che sono un po' più pesanti e massicci, ci sono pure a batterie... https://www.proxxon.com/de/micromot/handgefuehrte-geraete-230-volt.php Ne abbiamo uno al lavoro, è veramente di ottima qualità. Prima o poi me lo compro!
  15. Io avevo il Parkside della Lidl, una schifezza. Ne sto usando un altro molto simile, è tutto scassato ma più o meno funziona. Il proxxon è assolutamente il top, ne esistono vari modelli con varie dimensioni. Qui si trova anche in negozio. Prima o poi mi convinco e me lo compro.